Blog

I 5 migliori film di Jim Jarmusch
I 5 migliori film di Jim Jarmusch
martedì 11 giugno 2019 alle 12:33

Nella settimana in cui esce nelle sale I morti non muoionoil protagonista della nostra classifica settimanale non poteva che essere… Jim Jarmusch! Ecco i suoi 5 film migliori secondo la nostra redazione!

5° Posto: Paterson

paterson

Ed è proprio Paterson il film che abbiamo scelto per la quinta posizione: un’opera di straordinaria poesia, capace di mescolare dramma e commedia, ironia e riflessioni esistenziali di altissimo livello. I protagonisti sono un trentenne che guida l’autobus, la sua ragazza che sogna di diventare una cantante country e il loro simpatico bulldog (già uno degli animali di culto del cinema recente). Un lungometraggio imperdibile, da vedere assolutamente in sala nei prossimi giorni!

Leggi qui la nostra recensione

4° Posto: Solo gli amanti sopravvivono

solo-gli-amanti-sopravvivono

Un film di vampiri, ma i vampiri jarmuschiani non potevano che essere esteti, colti, solitari, in rotta col mondo esterno e attaccatissimi ai loro ninnoli, siano essi preziosi manufatti, antiche opere letterarie o chitarre di pregevole fattura (le Gibson!). Il modo in cui Jarmusch ha dato loro concretezza ha in ogni caso del sorprendente: i personaggi di Hiddleston e della Swinton sono infatti gli ultimi depositari di cultura e verità rimasti sulla faccia del pianeta, delle creature distaccate e affascinanti, che osservano la distruzione intorno a loro con gli occhi velati dalla loro stessa superiorità. Il sapere, per i due, è l’unica e l’ultima àncora di salvezza, il solo appiglio per resistere in mezzo allo sfacelo moderno. Il controllo che Jarmusch ha sulla confezione estetica del film e sulla ricchezza dei suoi contenuti lascia semplicemente a bocca aperta, esercitando sullo spettatore un magnetismo languido davvero irresistibile.

Leggi qui la nostra recensione

 

3° Posto: Broken Flowers

broken-flowers

Don Johnston (Bill Murray) è un ex donnaiolo impenitente al quale riaffiora, all’improvviso, la voglia di riannodare i fili della propria esistenza un po’ allo sbando. Quando riceve una misteriosa lettera che lo informa di essere padre, si mette sulle tracce delle sue vecchie amanti per saperne di più. Uno spaccato di vita di un altro uomo solitario, ma dal noir sofisticato passa a un road movie esistenziale sul vuoto pneumatico di un personaggio che sembra aver smarrito l’entusiasmo dei suoi anni migliori e che ci appare, nella sua disarmante semplicità e nel suo ostinato male di vivere, un uomo incredibilmente normale. Broken Flowers è l’ennesimo saggio registico di Jim Jarmusch che in questo caso ci dimostra cosa voglia dire far dialogare la malinconia, e come instaurare un equilibrio eccellente tra la tristezza del protagonista e i luoghi che attraversa, in un film realizzato con la totale assenza di scene madri. Straordinario anche Bill Murray in una delle prove più importanti della sua carriera.

Leggi qui la nostra recensione

 

2° Posto: Dead Man

dead-man

Uno dei film più impressionanti di Jarmusch, e forse il vero spartiacque della sua carriera: Dead Man è un western dalle avvolgenti spire mortifere, a metà tra il loop e il trip, tra l’inquietudine paesaggistica e l’incursione acida nel genere cinematografico più archetipico della cultura americana. La furia visionaria del regista non è però in stato di perenne esaltazione, come qualcuno potrebbe immaginare: al contrario sposa una remissività di incredibile forza estetica e concettuale, che trascina lo spettatore dentro quello che sembra a tutti gli effetti un incubo senza ritorno. La lentezza e la contemplazione, in questo caso, seguono un tracciato idealista e formale, come spesso accade nel cinema di Jarmusch. Ma Dead Man va anche oltre: è un film, soprattutto se rapportato al suo tempo (gli anni Novanta), sul dissolversi della classicità e del mito della frontiera, che scompaiono per lasciar posto alle visioni turbate e metafisiche del postmodernismo.

Leggi qui la nostra recensione

 

1° Posto: Ghost Dog

ghost-dog

Dopo aver esplorato meravigliosamente il western in bianco e nero, con Dead Man (1995), il talento incontenibile di Jim Jarmusch si posa su un altro genere fondamentale per il cinema americano: il noir. Ma l’approccio filosofico e revisionista alla materia resta immutato, riuscendo a bissare le incredibili vette del film precedente. La matrice in questo caso è molto più spirituale che lisergica, ma la sostanza tuttavia resta la stessa, e leggere i due lungometraggi come un dittico è un passaggio pressoché obbligato. L’andamento palpitante dell’opera è reso vivo, nella sua densa complessità, da molte deviazioni ironiche e da un utilizzo di registri contrastanti, dal solenne al pulp, che restituiscono tutta la tridimensionalità di un mondo che, nonostante i suoi eccessi fumettistici, resta colmo di sfumature e piste da seguire, anche nei semplici scambi di battute tra i personaggi. Più di ogni altra cosa, però, Ghost Dog – Il codice del samurai è un film sull’incomunicabilità e sulla reticenza – due aspetti da sempre centrali nella poetica di Jarmusch – nonché sul bisogno costante di riconsiderare i propri parametri di riferimento. Ed è anche una metafora sulle infinite anime dell’America. Un film stratosferico.

Leggi qui la nostra recensione

Articolo di Redazione