I più votati

La classifica dei migliori film votati dagli utenti di LongTake

Votato da 64 utenti

Voto Medio 3,6

Voto Medio 3,6

La locandina del film "Principessa Mononoke"
Votato da 64 utenti.

Principessa Mononoke

1997 • 134 min • Giappone • col • Hayao Miyazaki

Il principe Ashitaka per salvare il suo villaggio uccide un enorme demone cinghiale, ma nello scontro è colpito e avvelenato. Durante il viaggio intrapreso per trovare l'antidoto, il protagonista incontra la principessa Mononoke (amica della natura e contraria a ogni guerra), assieme alla quale cercherà di proteggere lo spirito della foresta.


Votato da 68 utenti

Voto Medio 3,5

Voto Medio 3,5

La locandina del film "Strade perdute"
Votato da 68 utenti.

Strade perdute

1997 • 134 min • Usa, Francia • col • David Lynch

I coniugi Madison, Fred e Renee (Bill Pullman e Patricia Arquette), ricevono delle inquietanti videocassette che ritraggono l'interno della loro abitazione. Il responsabile potrebbe essere un uomo misterioso (Robert Blake) che conoscono a un party: al termine della festa, Fred passa una notte tormentata e ha la visione di se stesso ai piedi del letto di fronte al corpo smembrato della moglie. Un poliziotto lo sveglia e Fred si trova catapultato in un incubo che potrebbe non avere mai fine.


Votato da 28 utenti

Voto Medio 3,4

Voto Medio 3,4

La locandina del film "Funny Games"
Votato da 28 utenti.

Funny Games

1997 • 108 min • Austria • col • Michael Haneke

Una famiglia tipo, composta dalla madre Anna (Susanne Lothar), dal padre Georg (Ulrich Mühe) e dal figlioletto Georgi (Stefan Clapczynski), si appresta a trascorrere le vacanze nella casa di villeggiatura in riva al lago. La situazione di idillio familiare e ambientale viene turbata da due giovani misteriosi e sconosciuti che riescono ad entrare in casa presentandosi come educati e molto formali. Paul (Arno Frish) e Peter (Frank Gering) gettano subito la maschera, e in seguito a una banale discussione, aggrediscono violentemente e sistematicamente i membri della famiglia, in una escalation programmatica di sadismo gratuito. I due giovani propongono alla famiglia una scommessa, come quelle televisive, i cui termini sono quelli di vita o di morte nelle successive dodici ore. Il gioco ha così inizio.