La locandina del film "10 giorni senza mamma"

Cosa succede se una mamma sempre presente (Valentina Lodovini) decide di partire per dieci giorni lasciando i tre figli con un papà fino ad allora praticamente assente? Una sequela di disastrosi ed esilaranti eventi travolgerà Carlo (Fabio De Luigi), obbligato a fare il "mammo" a tempo pieno.

Commedia per famiglie dall’anima cartoonesca, solare e senza troppe pretese, 10 giorni senza mamma segna la quarta collaborazione tra Alessandro Genovesi e Fabio De Luigi. il regista de La peggior settimana della mia vita (2011) si diverte ancora una volta a usare la comicità buffa e rocambolesca del suo attore feticcio costruendogli intorno una girandola di situazioni quasi interamente dettate dall’inadeguatezza di un padre goffo, immaturo e distratto al cospetto dei tempestosi figli, tra denti spaccati di netto con mazze da baseball e gag a rotta di collo. Dall’adolescente arrabbiata e scontrosa, Camilla, al maschio di casa, Tito, pestifero come non mai, passando per la piccolissima Bianca, il film è girato ad altezza di bambino ma sconta il solito macchiettismo ingessato di tanta commedia tricolore, con un De Luigi come di consueto stucchevole e poco efficace tanto nella gestione dei tempi comici sul grande schermo quanto nei momenti più teneri e asciutti. La morale familista e riconciliatrice è oltretutto forzatamente e meccanicamente imposta nel finale, con un prevedibile eccesso di melassa e buoni sentimenti arbitrariamente calati dall’alto. Sprecata e malamente fuori posto la sottotrama cinica che vede Antonio Catania nei panni del sulfureo e cinico principale per cui lavora Carlo, con qualche evitabile deriva da baracconata (la sequenza della palla da bowling gigante al family day aziendale). Il personaggio di Diana Del Bufalo, babysitter con burrascosi trascorsi lavorativi, è interpretato in maniera insolitamente credibile dall’attrice e avrebbe potuto traghettare il film verso miglior fortuna, limitandosi a sfiorare corde emotive e romantiche che lasciano intravedere del potenziale. Curiosamente, in una battuta si fa riferimento a Ken, storico fidanzato di Barbie, doppiato proprio da De Luigi in Toy Story 3 - La grande fuga (2010). Remake del film spagnolo di successo Mamá se fue de viaje (2017).

Nei cinema

In TV

In streaming