La locandina del film "Il ritratto negato"
Una scena di "Il ritratto negato"

Nella Polonia post bellica, il celebre pittore Władysław Strzemiński (Boguslaw Linda) è professore presso la Scuola Nazionale di Belle Arti di Łódź. Considerato dai suoi studenti alla stregua di un messia della pittura moderna e tra i fondatori della corrente dell’Unismo, viene espulso dall’università e dal sindacato degli artisti per essersi sottratto ai codici rigidi e ai dettami castranti imposti dal Partito socialista.

Evitando le secche del semplice biopic, il regista Andrzej Wajda racconta l’interessante figura di Strzemiński esaltandone il valore paradigmatico, la singolarità e il monito tutt’altro che scontato che la sua vita e la sua arte hanno saputo portare con sé. Nelle mani dell’autore polacco, l’artista diventa il prototipo, riflessivo e lucido, di una resistenza al potere da esercitare in forma di ostinazione e dissidenza, proprio perché consapevole dei propri mezzi e delle proprie possibilità. L’approccio stilistico di Wajda è quieto e composto, ma animato da una passione vibrante e da un’eloquenza inappuntabile ed estremamente efficace, allo stesso tempo civile e sapiente, accorata e sfaccettata. Se la ricostruzione storica è vittima di qualche appiattimento di troppo, con delle scorciatoie votate alla semplificazione e una manciata di derive oleografiche, il cuore del film è garantito dalla sincerità e dalla purezza di sguardo del regista. Una storia di ribellione e di sovversione rispetto al canone, dove l’ideale è calato nella concretezza della Storia e dei suoi bisogni più impellenti, sotto il profilo sia artistico che politico. Il ritratto negato è diventato, purtroppo, l’ultimo lavoro della gloriosa carriera di Wajda, scomparso pochi giorni prima della presentazione del film nella Selezione Ufficiale della Festa del Cinema di Roma 2016.

Nei cinema

Dal 11 luglio 2019

In TV

In streaming