La locandina del film "Austin Powers in Goldmember"

Austin Powers in Goldmember

Austin Powers in Goldmember

Una scena di "Austin Powers in Goldmember"

Il Dottor Male (Mike Myers) evade dalla prigione di massima sicurezza in cui era stato rinchiuso e, alleandosi con il misterioso Goldmember (Mike Myers), torna indietro nel tempo per prendere nuovamente possesso del pianeta. L'agente Austin Powers (Mike Myers) viaggia anche lui fino al 1975 per evitare una catastrofe globale.

Si chiude con un terzo, disastroso, capitolo l'avventura cinematografica dell'agente Austin Powers. Myers, ideatore del personaggio, si crede l'Orson Welles della comicità parodistica e arriva a interpretare ben tre personaggi, quando risultava insopportabile anche nei soli panni del protagonista. Stanchissima sequela di omaggi demenziali al cinema di James Bond, con più citazioni alla cultura popolare e qualche accenno cinefilo (il personaggio di Beyoncé è un omaggio alle eroine della blaxploitation). Trovate comiche ai minimi sindacali, con una dannosissima propensione alle volgarità gratuite.

Nei cinema

In TV

In streaming