La locandina del film "Bug"
Una scena di "Bug"

La solitaria Agnes (Ashley Judd), vittima di un ex marito violento (Harry Connick Jr.) e madre di un figlio inspiegabilmente scomparso, inizia una relazione con Peter Evans (Michael Shannon), marine reduce dalla guerra del Golfo. L'iniziale gentilezza dell'uomo lascerà presto spazio a un inarrestabile climax di alienazione.

«Il film più intenso e disturbante che abbia mai girato»: William Friedkin adatta l'omonima pièce teatrale di Tracy Letts (anche sceneggiatrice) per affrontare lo scomodo tema del trauma post-bellico. La discesa agli inferi dei due protagonisti, segnati da una solitudine emozionale tipica della contemporaneità, diviene incubo incarnato, tra lacerazioni, ferite e allucinazioni che confondono, invece di delimitare, il confine sempre più labile tra realtà e immaginazione. Lo stile rischia il manierismo (troppo definito il contrasto tra le geometrie quotidiane e le impennate paranoiche), ma Friedkin si dimostra abile a far gelare il sangue: fondamentale, in tal senso, l'apporto di Michael Shannon, attore dalla mimica facciale inquieta che riesce a rendere la follia di un uomo divorato dalle sue angosce. Un film scomodo e malsano, non certo per tutti i gusti, ma che in ogni caso non si dimentica facilmente. Ashley Judd accetta coraggiosamente di abbruttirsi e regala la performance più significativa della sua non esaltante carriera. Musiche di Brian Tyler, fotografia di Michael Grady. Il titolo si riferisce all'ossessione di Peter per gli insetti.

Nei cinema

In TV

In streaming