La locandina del film "La casa delle bambole"

La casa delle bambole

Ghostland

GENERE:

Horror

NAZIONE:

Francia, Canada

Anno:

2018

Durata:

91 min

Formato:

col

Pauline (Mylène Farmer) e le due figlie adolescenti, Beth (Crystal Reed) e Vera (Anastasia Phillips), ricevono in eredità una vecchia villa piena di cimeli e bambole antiche che rendono l'atmosfera tetra e inquietante. Durante la notte, due intrusi penetrano nella casa e prendono in ostaggio le ragazze. Pauline lotta disperatamente per la vita delle figlie e riesce ad avere la meglio sugli assalitori, ma il trauma di quella notte segnerà per sempre il destino delle ragazze.

Il regista di Martyrs (2008) e I bambini di Cold Rock (2012) Pascal Laugier, avvolto da un’aura di culto presso una fetta di appassionati, si concede una nuova sortita nel cinema horror che anche stavolta, tuttavia, non convince sul piano della qualità: La casa delle bambole è infatti un malsano quanto rivedibile frullatore di luoghi comuni del genere, un compendio di trovate privo di qualsiasi nota di interesse e di guizzi che vadano oltre gli onnipresenti, superflui jumpscare a effetto. Laugier realizza un prodotto che punta tutto su una confezione shoccante ma che di autenticamente destabilizzante ha ben poco, limitandosi a mettere in scena il terrore in forma di paccottiglia, con pochissime sequenze degne di nota e frequenti cadute di tono e di gusto. In caduta libera anche il finale, mentre da segnalare sono gli omaggi (uno in particolare, esplicito e sornione) al grande scrittore di horror e fantascienza Howard Phillips Lovecraft, i cui strascichi influenzano a più riprese una delle protagoniste femminili, che non a caso è a sua volta un’autrice di best seller dell’orrore.

Nei cinema

Dal 6 dicembre 2018

In TV

In streaming