La locandina del film "Contromano"
Una scena di "Contromano"

Il venditore di calzature Mario Cavallaro (Antonio Albanese) entra in crisi quando il bar di cui è cliente abituale viene rilevato da un egiziano e Oba (Alex Fondja), senegalese venditore ambulante di scarpe, staziona davanti alla sua attività. Per sistemare le cose escogiterà un piano: riportare il giovane a casa. Quest’ultimo però, accetterà solo a patto che l’uomo trascini con sé anche la sorella (Aude Legastelois).

Imbarazzante caduta di stile per il comico Antonio Albanese, che torna dietro la macchina da presa a 16 anni di distanza da Il nostro matrimonio è in crisi (2002). L’inventore di maschere comiche come Epifanio e Alex Drastico tenta l’azzardo, totalmente fuori misura e fuori registro, di costruire una sorta di fiaba garbata intorno al tema dell’immigrazione, a partire dal presupposto un po’ iperrealista di un uomo qualunque che si mette in testa che se ognuno riportasse a casa sua un africano il problema sparirebbe del tutto. La resa cinematografica è però di una nullità agghiacciante, a dispetto delle buone intenzioni dell’autore: il road movie è inesistente e non si percepisce mai, nemmeno per un istante, e il film prende ben presto una piega aberrante, tra assurde gag sui tranquillanti assunti in dosi elefantiache e disabili che urinano senza motivo su auto di lusso. Tutto il secondo blocco del film, come se non bastasse, si incaponisce su una deriva mélo basata su un unico, risibile colpo di scena di sceneggiatura. Caotica come mai anche la scrittura del personaggio di Albanese, meschino ma anche docile, respingente ma pure rispettabile: neanche per un momento il protagonista guadagna tridimensionalità, facendo crollare su se stessa tutta l’operazione (i giovani attori di colore, dal canto loro, sono diretti in maniera molto approssimativa). Il finale chiude il cerchio nel modo più naïf e retorico possibile, con un ulteriore ribaltamento. L’intento era forse sincero, ma se così è Contromano è un monito tanto più impietoso sulla vanità totale delle buone intenzioni.

Nei cinema

In TV

In streaming