La locandina del film "Delitto in Formula Uno"
Una scena di "Delitto in Formula Uno"

L'ispettore Nico Giraldi (Tomas Milian) è alle prese con l'omicidio di un pilota di Formula Uno, vittima di un sabotaggio. Sospeso dal servizio, riuscirà comunque a risolvere il caso grazie all'aiuto dell'amico Venticello (Bombolo) e al sostegno della famiglia.

L'adrenalina delle corse automobilistiche non riesce a risollevare un filmetto scialbo e approssimativo. Azione nelle sequenze di apertura e chiusura, qualche battuta indovinata e nulla più: il resto è da dimenticare, tra le solite vivaci esclamazioni di Giraldi (rigorosamente in verace dialetto romanesco) e un'allucinante e trashissima sequenza di ballo offerta dalla controfigura di Tomas Milian. Ricco carnet di presenze femminili: Dagmar Lassander (la signora Martelli), Isabel Russinova (una DJ), Maria Grazia Buccella (la cassiera) e Licinia Lentini (Rossana). Sceneggiato dal regista Bruno Corbucci con Mario Amendola. Seguito da Delitto al Blue Gay (1984).

Nei cinema

In TV

In streaming