La locandina del film "The Equalizer 2 – Senza perdono"

The Equalizer 2 – Senza perdono

The Equalizer 2

Una scena di "The Equalizer 2 – Senza perdono"

Robert McCall (Denzel Washington), ex agente segreto, si guadagna ora da vivere facendo l’autista. La sua amica Susan (Melissa Leo) viene incaricata delle indagini su un apparente omicidio-suicidio, ma finirà attratta in un tranello letale e sarà allora Robert a entrare in azione.

Già non brillava per originalità il precedente The Equalizer – Il vendicatore (2014) e questo sequel è altrettanto banalotto e fuori tempo massimo: arrivati al 2018 film come questi se ne sono visti davvero a bizzeffe e certamente il regista Antoine Fuqua non riesce a dare vita ad alcuno scarto significativo in un genere usurato come quello del giustiziere solitario, personaggio tipico da action-movie a stelle e strisce. Probabilmente il regista ha voluto virare sull’epoca Trump, dando vita a un protagonista che vuole rimanere tranquillo ma è costretto dagli eventi a diventare violento, ma il respiro politico della pellicola è all’acqua di rose e, oltre a qualche sequenza dinamica al punto giusto, non resta niente da ricordare in questo fragile lungometraggio. C’è però una curiosità da segnalare: è il primo sequel nella lunga carriera di Denzel Washington.

Nei cinema

In TV

In streaming