La locandina del film "The Ground Beneath My Feet"

The Ground Beneath My Feet

Der Boden unter den Füßen

Una scena di "The Ground Beneath My Feet"

Lola (Valerie Pachner) gestisce la sua vita privata con la stessa maniacale efficienza con cui ottimizza i profitti nel lavoro. Un giorno però un evento tragico riguardante sua sorella potrebbe farle perdere la razionalità che l’ha sempre contraddistinta…

La regista austriaca Marie Kreutzer scrive e dirige questo dramma psicologico al femminile, con al centro una donna nella cui agenda c’è sempre meno spazio per i rapporti umani. Ha una relazione con una collega, ma oltre a questo non c’è davvero altro in un’esistenza segnata soltanto dai ritmi lavorativi, fino a quando la sorellastra maggiore – di cui è tutrice legale – tenta nuovamente di suicidarsi: i traumi del passato riaffioreranno. La pellicola sembra prendere la strada del thriller giocando sul tema del doppio, ma in realtà questo spunto è soltanto una fragilissima componente di un lungometraggio inconcludente e fiacco, che crolla miseramente col passare dei minuti fino ad arrivare a un finale frettoloso e scritto grossolanamente. Diverse svolte narrative sono poco credibili e sembra spesso che la regista stia perdendo le redini della sua operazione: non sono prevalentemente sul personaggio principale i difetti di scrittura, ma su tutto ciò che le sta attorno, a partire da una superficiale costruzione dell'ambiente di lavoro e dei suoi componenti. Il risultato è debole ed evitabile. Presentato in concorso al Festival di Berlino 2019.

Nei cinema

In TV

In streaming