La locandina del film "L'infermiera di notte"

Il dentista Nicola Pischella (Lino Banfi) assume la bella infermiera Angela (Gloria Guida) per entrare nelle grazie di Saverio (Mario Carotenuto), zio morente della moglie Lucia (Francesca Romana Coluzzi). Ma non tutto è come sembra.

Commedia degli equivoci debole e scontata: l'intreccio è risibile, la sceneggiatura ridicola. Anche Lino Banfi risulta fuori parte e fastidioso nelle sue continue storpiature linguistiche (amenità come “stronzolo” e “tettole” imperano). L'unico motivo di interesse è costituito dalle grazie di Gloria Guida e Paola Senatore (Zaira, l'amante di Pischella), che comunque non si spogliano più di tanto: Anna Maria Clementi, nei panni della vogliosa vicina di casa, è molto più generosa. Stonati gli inserti ballerini e canterecci, atti a dimostrare le doti fisiche e vocali della Guida. Alvaro Vitali è l'assistente Peppino. Divertente colonna sonora di Gianni Ferrio. Scritto e sceneggiato dal regista Mariano Laurenti con Francesco Milizia.

Nei cinema

In TV

In streaming