La locandina del film "Irina Palm"

Irina Palm

Irina Palm

GENERE:

Commedia, Drammatico

NAZIONE:

Belgio, Germania, Lussemburgo, Gran Bretagna, Francia

Anno:

2007

Durata:

103 min

Formato:

col

Londra. Disperata per la malattia potenzialmente letale del nipotino, bisognoso di una costosa operazione in Australia, e in cerca di denaro, la matura Maggie (Marianne Faithfull) trova lavoro come intrattenitrice “manuale” nell'equivoco locale di Miki (Miki Manojlovic), che la assume con il nome d'arte di Irina Palm. La nuova, anomala occupazione le aprirà orizzonti inaspettati.

Commedia agrodolce diretta da Sam Garbarski che, tra il serio e il faceto e con un andamento quasi fiabesco, azzarda una riflessione su tematiche ambiziose: la solitudine derivante dalla maturità, i desideri sessuali di una donna repressa dalla sua stessa età anagrafica e dall'ipocrisia perbenista, la tragedia della malattia. Alcuni snodi restano sullo sfondo, abbozzati in maniera solo superficiale (l'umile condizione economica di una certa classe sociale dei sobborghi inglesi) e la sceneggiatura di Martin Herron e Philippe Blasband mostra cadute di gusto a tratti imperdonabili («I tennisti hanno il gomito da tennista, noi quello da seghista»), ma l'essenzialità dello stile registico appare funzionale a una narrazione leggiadra e ironica, capace di tratteggiare la rinascita emozionale di una protagonista proiettata verso una nuova fase della propria vita. Il soggetto, inoltre, è originale e potente allo stesso tempo. Fondamentale anche l'apporto di Marianne Faithfull, impegnata in una performance convincente e mai volgare e sintonizzata sulla lunghezza d'onda di un comprimario d'eccezione, il bravo Miki Manojlovic. Jenny Agutter è Jane. Presentato in concorso al Festival di Berlino.

Nei cinema

In TV

In streaming