La locandina del film "Linea mortale"
Una scena di "Linea mortale"

Lo studente di medicina Nelson (Kiefer Sutherland) convince quattro suoi compagni di università (Kevin Bacon, Julia Roberts, Oliver Platt, Wiliam Baldwin) a realizzare un esperimento: vivere un'esperienza di post-morte e, tramite la scienza moderna, resuscitare per poter raccontare agli altri se esiste un aldilà. Ma i ragazzi dovranno fare i conti con spiacevoli effetti collaterali: dopo essere tornati alla realtà, i fantasmi del passato dei cinque studenti tornano a tormentarli.

Il mestierante Schumacher esplora il territorio della fantascienza contaminata con l'horror, unendo discutibilissimi fondamenti medici a una pretenziosità fuori dall'ordinario. La pellicola finisce per trattare in modo superficiale spinose questioni sull'etica applicata alla scienza, e gli scomodi interrogativi sulla visione metafisica e filosofica dell'aldilà lasciano spesso il tempo che trovano. Tuttavia, come intrattenimento all'insegna della paura dell'ignoto funziona, grazie a un'atmosfera cupa e tenebrosa. Anche la tensione regge per buona parte della durata: il merito va, soprattutto, alla bella fotografia di Jan de Bont e alle musiche di James Newton Howard. Rifatto da Niels Arden Oplev con Flatliners - Linea mortale (2017)

Nei cinema

In TV

In streaming