La locandina del film "Noi 4"

Giacomo (Francesco Bracci) deve sostenere l'esame di terza media, mentre la sorella Emma (Lucrezia Guidone) è una degli occupanti del teatro Valle e vorrebbe diventare un'attrice, ma l'amore metterà in discussione le sue certezze. I genitori sono separati: la madre (Kseniya Rappoport), ingegnere, è sempre in ansia per i propri figli, mentre il padre (Fabrizio Gifuni) è un artista spiantato e squattrinato. In un giorno come tanti qualcosa cambierà.

Dopo i buoni riscontri per il suo film d'esordio, Scialla! (2011), lo sceneggiatore Francesco Bruni torna dietro la macchina da presa mettendo nuovamente al centro del suo interesse la famiglia disfunzionale moderna, ma il risultato è ben al di sotto del lavoro precedente. I dialoghi sono ridicoli, con dei botta e risposta infarciti di frasi fatte e banalità, mentre la trama si trascina tra risvolti imbarazzanti (la scena della madre dal chirurgo plastico) e sequenze prevedibili. I personaggi sono intrappolati in caratteristiche fisse e predefinite, perdendo ogni possibilità di evoluzione, tanto da risultare tutti antipatici e per niente accattivanti. Gli interpreti sono abbandonati a loro stessi, per cui Gifuni non è sempre convincente, la Rappoport e la Guidone esagerano, mentre Bracci recita in modo scolastico: si salva solo la brava Vukotic che, purtroppo, si vede troppo poco.

Nei cinema

In TV

In streaming