La locandina del film "Non sposate le mie figlie!"

Non sposate le mie figlie!

Qu'est-ce qu'on a fait au Bon Dieu?

Claude (Christian Clavier) e Marie (Chantal Lauby) sono una coppia di mezz'età che ha vissuto tutta la vita seguendo i precetti cattolici di tolleranza e accoglienza per il prossimo. Si sono sempre dichiarati favorevoli all'integrazione, e così hanno insegnato alle loro quattro figlie, ma il destino metterà a dura prova le loro certezze.

Da una sceneggiatura scritta dallo stesso regista insieme a Guy Laurent, una commedia che si basa sul classico modello di Indovina chi viene a cena? (1967) di Stanley Kramer. La primogenita della coppia decide di sposare un musulmano, la seconda un ebreo e la terza un cinese: manca solo la quarta figlia che, finalmente per Claude e Marie, ha incontrato un bravo cattolico. Ma le sorprese non sono finite. Poco originale e molto furbetta, Non sposate le mie figlie! è una pellicola molto meno divertente di quanto vorrebbe far credere. La regia è schematica, le dinamiche narrative scontate: non basta qualche battuta tagliente per rendere efficace un lungometraggio derivativo e un po' superficiale, macchiettistico e vittima di una serie di cliché che si sarebbero potuti evitare. In Francia, però, ha avuto un successo di pubblico straordinario.

Nei cinema

In TV

In streaming