La locandina del film "Il patriota"
Una scena di "Il patriota"

Carolina del Sud, 1776: agli albori della Guerra di indipendenza, Benjamin Martin (Mel Gibson) è un colono americano reduce dal conflitto franco-indiano. Rimasto vedovo, desidera unicamente vivere in tranquillità con i suoi sette figli. In seguito all'uccisione del suo secondogenito da parte del colonnello inglese Tavington (Jason Isaacs), torna però a imbracciare le armi, guidando un gruppo di volontari in azioni di guerriglia contro l'esercito di Sua Maestà.

Roland Emmerich racconta alcune tappe fondamentali della Guerra di Indipendenza americana dal punto di vista di un padre di famiglia (non) come tanti. Si respira un'aria fortemente melodrammatica e, tra bandiere a stelle e strisce che sventolano impavide di fronte all'odiato nemico inglese e inesattezze storiche che faranno storcere il naso a qualche studioso, i cliché non mancano di certo. Il film, in ogni caso, ha il pregio di rimanere un discreto intrattenimento spettacolare per tutti i 165 minuti di durata. Merito anche delle musiche di John Williams e della fotografia di Caleb Deschanel (entrambe nominate agli Oscar). Oltre alle buone prove del patriota Mel Gibson e di Jason Isaacs, odiatissimo villain, spicca l'interpretazione del giovane Heath Ledger nel ruolo di Gabriel, primogenito di Benjamin Martin.

Nei cinema

In TV

In streaming