La locandina del film "Ricomincio da tre"
Una scena di "Ricomincio da tre"

Gaetano (Massimo Troisi), un ragazzo timido, stanco della sua vita nella periferia di Napoli, decide di andare a stare dalla zia a Firenze. Facendo l'autostop, finisce per caso in una casa di cura: lì conosce Marta (Fiorenza Marchegiani), per cui prova subito simpatia. Arrivato a Firenze dopo una serie di disavventure, Gaetano ritroverà la giovane e i due si innamoreranno.

Esordio alla regia di Massimo Troisi ed enorme successo di pubblico (con annesso buon riscontro di critica), vincitore di due David di Donatello (film e attore protagonista) e di quattro Nastri d'argento, Ricomincio da tre portò alle luci della ribalta il suo stralunato autore. La tipica comicità dell'attore è colma di ironia, condita da un'intrinseca genuinità non priva di un toccante velo di malinconia. Gaetano riporta alcuni tratti autobiografici di Troisi stesso, come la timidezza e la religiosità, non a caso più volte toccati all'interno della sua filmografia. Delicato nella trama e acuto nelle riflessioni, Ricomincio da tre è un'opera minuta e altalenante, che ha però il merito di aver regalato un'ondata di aria fresca alla ristagnante commedia italiana di inizio anni Ottanta. Consigliato soprattutto ai fan del compianto comico napoletano.

Nei cinema

In TV

In streaming