La locandina del film "Rocky III"
Una scena di "Rocky III"

Rocky (Sylvester Stallone) ha battuto Apollo Creed ed è diventato il nuovo campione del mondo dei pesi massimi di boxe. Impegnato a difendere il titolo, il pugile italoamericano comincerà a preoccuparsi quando verrà sfidato dal temibile Clubber Lang (Mr.T).

Dopo il negativo sequel Rocky II, continua con questo terzo capitolo la parabola discendente della saga incentrata sullo “Stallone italiano”. Una serie che ha già dato e detto tutto (avanti solo per inerzia commerciale) suscita scarso interesse vista la poca profondità narrativa dell'episodio. Il sogno americano viene riazzerato e ricostruito da zero: Rocky in un solo film perderà il titolo e il manager di sempre Mickey (Burgess Meredith) e cercherà di risalire grazie all'aiuto dell'ormai amico Apollo Creed. Non manca al film un certo fascino trash e una forte componente adrenalinica (oltre alla mitica canzone Eye of the Tiger, che è valsa al film una nomination agli Oscar), ma i fasti del primo lungometraggio datato 1976 sono ormai lontani. Questa pellicola è preceduta da Rocky (1976) e Rocky II (1979), e seguita da Rocky IV (1985), Rocky V (1990) e Rocky Balboa (2006)

Nei cinema

In TV

In streaming