La locandina del film "Squadra antiscippo"
Una scena di "Squadra antiscippo"

Lo scippatore Achille Bertinari detto il “Baronetto” (Guido Mannari) deruba per errore Norman Shelley (Jack Palance), diplomatico americano con l'hobby del riciclaggio di denaro sporco. La scottante refurtiva (cinque milioni di dollari) è fonte di grossi guai: il maresciallo Nico Giraldi (Tomas Milian) cercherà di evitare il peggio.

Prima apparizione sul grande schermo per l'ex galeotto Nico Giraldi, nato sulla scia del successo di “Monnezza” (protagonista di Il trucido e lo sbirro del 1976 e La banda del gobbo del 1977, diretti da Umberto Lenzi, e di La banda del trucido, 1977, di Stelvio Massi). La sceneggiatura evita gli eccessi che diventeranno in seguito il marchio di fabbrica del personaggio, limitando il turpiloquio e gli inserti da commedia per spingere il pedale sulle sequenze di azione e su una buona dose di violenza non troppo edulcorata (il pestaggio nella sala da biliardo). Il ritmo è buono, lo sviluppo narrativo decisamente meno e l'intreccio poliziesco è pretestuoso e puerile. Il verace Giraldi, comunque, rimane scolpito nella memoria con battute che fanno intuire gli sviluppi futuri («So' Sant'Antonio der Friuli, er protettore dei paraculi») e con il suo aspetto pittoresco. Imprescindibile il doppiaggio di Ferruccio Amendola, che sarà la voce di Tomas Milian in tutti gli undici episodi della serie. Assenti, per il momento, gli abituali compagni di avventure Bombolo (Venticello) e Massimo Vanni (Gargiulo, qui interpretato da Raf Luca). Maria Rosaria Omaggio è la signorina Cattani. Seguito da Squadra antifurto (1976), Squadra antitruffa (1977), Squadra antimafia (1978), Squadra antigangsters (1979), Assassinio sul Tevere (1979), Delitto a Porta Romana (1980), Delitto al ristorante cinese (1981), Delitto sull'autostrada (1982), Delitto in Formula Uno (1984) e Delitto al Blue Gay (1984).

Nei cinema

In TV

In streaming