Starship Troopers – Fanteria dello spazio
Starship Troopers
1997
Paese
Usa
Generi
Fantascienza, Avventura
Durata
129 min.
Formato
Colore
Regista
Paul Verhoeven
Attori
Casper Van Dien
Denise Richards
Dina Meyer
Patrick Muldoon
Neil Patrick Harris
Michael Ironside
In un anno imprecisato del XXIII° secolo, gli uomini sono spinti ad arruolarsi nelle forze militari da un regime dittatoriale che premia i combattenti e delegittima i civili. Il giovane e aitante Johnny Rico (Casper Van Dien), appena fresco di diploma, si arruola nella Fanteria Mobile per combattere gli Aracnidi, mostruose e spietate creature aliene giunte dal desertico pianeta Klendathu.

Uno dei più intelligenti esempi di sci-fi pura degli anni '90, la cui forza risiede nella riuscita fusione tra uno spettacolare apparato visivo e una puntuale profondità teorica che nobilita quello che, in mano a un buon mestierante hollywoodiano, sarebbe rimasto solo un blockbuster di puro intrattenimento. Sulla base di una forte componente autoironica e per nulla scontata, Verhoeven dissacra i regimi totalitari di matrice fascistoide mettendo in scena un futuro distopico governato da ottusi paramilitari (con tanto di adunate) e destruttura l'estetica dell'action proponendo un'ambientazione vagamente camp che agli scenari fantascientifici di sgargiante opulenza unisce l'immaginario dei telefilm americani del periodo, con colori saturi, vestiti vintage e ingenuità da serie TV proposti in chiave dissacratoria. Non a caso Casper Van Dien, statuario e bellissimo come un fotomodello, era un volto noto del telefilm Beverly Hills 90210 (1990-2000). La contrapposizione tra l'organizzazione e l'avanzato stadio di intelligenza degli alieni e la bassezza di una umanità capace solo di pensare in termini di violenza e profitto appare fin troppo sfacciata, così come l'ossessione del regista olandese per il potere distorto dei media e della pubblicità. Ma la critica alla società americana (militarizzata e xenofoba) e alla politica a stelle e strisce colpiscono nel segno. Fondamentale il contributo delle scenografie di Allan Cameron. Meritatissima nomination all'Oscar per gli strabilianti effetti speciali. Fotografia di Jost Vacano, musiche di Basil Poledouris. Liberamente tratto dal romanzo Fanteria dello spazio (1959) di Robert A. Heinlein.
Maximal Interjector
Browser non supportato.