Soldato d'Orange
Soldaat van Oranje
1977
Paesi
Olanda, Belgio
Generi
Drammatico, Guerra
Durata
155 min.
Formato
Colore
Regista
Paul Verhoeven
Attori
Rutger Hauer
Jeroen Krabbé
Lex van Delden
Derek de Lint
Susan Penhaligon
Edward Fox
Responsabilità politiche e drammi esistenziali di alcuni ex studenti olandesi durante la Seconda guerra mondiale. Tra loro, Erik (Rutger Hauer) e Guus (Jeroen Krabbé), impegnati nella Resistenza contro l'occupazione nazista. Trasmesso anche in forma di miniserie televisiva nei Paesi Bassi, Soldato d'Orange è una delle opere più ambiziose di Paul Verhoeven, che decide di confrontarsi con il periodo buio attraversato dal sui Paese durante la minaccia del Terzo Reich. Affresco storico ma anche spaccato sociale, su traumi e contraddizioni di una classe politica e militare, che cerca di sondare minuziosamente le varie facce della tragedia, soprattutto dal punto di vista umano. Manca però una presa di posizione e il regista olandese si limita a illustrare con mano sapiente ma poco incisiva, lasciando sullo sfondo la riflessione su quanto la guerra possa cambiare le persone. Poco fluido nella narrazione, il film vive di sussulti dettati dal piglio aggressivo dell'autore, che dimostra poca dimestichezza con una vicenda eccessivamente diluita. Ottima, in ogni caso, la direzione degli attori e buona la confezione che riesce a restituire l'aria del tempo. Liberamente tratto dal romanzo Soldaat van Oranje '40-'45 di Erik Hazelhoff Roelfzema. Nominato al Golden Globe come miglior film straniero.
Maximal Interjector
Browser non supportato.